Testo della notizia

Nessuna immagine
DEC
18

JUDO: Artesport sul podio con tre splendidi argenti al Trofeo Panda di Caluso.

Domenica 18 dicembre. a Caluso, Artesport ha piazzato 3 atleti sul secondo gradino del podio della prima gara del Trofeo Panda.
Nonostante l'inesperienza, per 5 su 6 era la prima gara, i giovani atleti hanno dimostrato di essere tecnicamente preparati e psicologicamente determinati affrontando avversari più esperti senza alcuna paura, tanto da stupire persino Rino Sannino, il loro maestro.
Ryan Ermo è stato il primo a salire sul tatami e ha iniziato con una sconfitta. Questo esordio negativo per lui è stato però molto istruttivo per tutti in quanto ha fatto capire loro che la gara non è luogo di indecisione e distrazione, e che l'atteggiamento da tenere sul tatami è di attenzione e serietà. Grazie a questo cambiamento di atteggiamento riesce a superare il secondo incontro con il miglior punteggio del girone ed accede di diritto alla finale per 1° e 2° posto. A questo punto solo l'inesperienza lo priva del gradino più alto del podio.
Omar Masuzzo Castagna, grintoso come non mai, affronta di petto l'avversario ottenendo una vittoria netta. Anche nel secondo incontro, nonostante una prima difficoltà a gestire la stanchezza e le forti emozioni, dà il massimo e lo supera con determinazione passando alla finale, dove solo la carenza di fiato gli impedisce di raggiungere l'oro. Un ottimo risultato che potrà essere migliorato con la maggior consapevolezza dell'importanza della preparazione atletica per chi si vuole dedicare all'agonismo.
Andrea Varacalli apre alla grande. Suo il primo Ippon in Tai Otoshi, tecnica poco allenata finora, ma che meriterà di essere studiata visti i risultati. La sua scalata al podio prosegue attraverso incontri sempre più duri fino a perdere solo la finale per immobilizzazione dopo aver ottenuto uno Yuko proiettando l'avversario.
Durissimo esordio, invece, per Raphael Ermo che si è trovato di fronte l'imbattuto campione del suo girone. La bravura dell'avversario e la sua inesperienza gli costano un fulmineo Ippon a pochi secondi dall'inizio dell'incontro. L'orgoglio lo aiuta a superare il secondo incontro, ma ormai è tardi per sperare di proseguire la gara. Resta il gusto della vittoria, anche se di un solo incontro, che sarà sicuramente uno stimolo nella preparazione delle prossime gare.
Girone "infernale" per Carola Valenza, che ha sommato alla sua inesperienza la sfortuna di essere finita tra atlete molto preparate sia fisicamente che mentalmente. La nostra unica ragazza si è scontrata subito con la vincitrice finale del girone non riuscendo ad entrare in gara. Solo al terzo incontro si è vista una Carola determinata, ma la stanchezza, a quel punto, non le ha permesso di reagire a pieno. Sicuramente un esordio sofferto il suo, ma che le è servito per capire che cos'è una gara. Visto il suo carattere deciso, sicuramente non mollerà e farà valere le sue doti nella prossima fase del torneo.

Gara nel complesso divertente e stimolante. Bel judo da vedere, ottimi risultati per i nostri atleti ma, soprattutto, una prima importantissima esperienza per cominciare a capire quale serietà ed impegno occorre per ottenere un risultato di alto livello.

Indietro