Testo dell'articolo

Nessuna immagine

Ip Man #SHOWINGUP

04/05/2020

Per la rubrica di oggi parleremo di un film iconico per tutti gli amanti delle arti marziali. Si tratta infatti di Ip Man, film divenuto cult del 2008 con protagonista Donnie Yen nel ruolo del protagonista.

L'idea del film nacque alla fine degli anni 90, quando si decise di girare un film sul conosciutissimo maestro di arti marziali Bruce Lee. Il progetto però venne bloccato, si decise quindi di sviluppare una pellicola sulla figura di Ip Man, il maestro dello stesso Bruce Lee. Per il film, oltre a scegliere Donnie Yen come interprete di Ip Man, in qualità di grande artista marziale, vennero chiamati come consulenti tecnici molti altri professionisti di Wing Chun.

La pellicola è ambientata negli anni 30 a Foschan, conosciuto come grande centro di arti marziali cinesi del Sud, dove le stesse scuole erano in forte concorrenza tra di loro. Tra queste spicca il Wing Chun con a capo il maestro yip Man.
Il film è ambientato nel periodo dell'invasione giapponese del 1937 che vide gli invasori occupare buona parte della Cina, inclusa la stessa capitale Pechino. Quest'ultima vicenda incide negativamente sulla vita di tutto il villaggio di Foshan: la stessa casa di Ip Man verrà Infatti usata come quartier generale giapponese all'interno della città, costringendo la famiglia del maestro, oramai prima priva di beni, a trasferirsi.
Così inizia la travagliata vicenda di Ip, che si troverà ad affrontare diverse difficoltà, le quali verranno approfondite anche nei sequel del primo film, "Ip Man 2" e "Ip Man 3".

Di certo anche oggi si parla di un grande classico che tutti coloro che amano le arti marziali devono aver visto almeno una volta. Per quanto la storia del maestro possa non essere del tutto fedele a quella originale, ritroviamo nella figura di Ip Man i grandi valori dell'insegnamento delle arti marziali, la voglia del confronto come occasione di apprendimento e una grande perseveranza.

Indietro