Testo dell'articolo

Nessuna immagine

I sette samurai_Akira Kurosawa #SHOWINGUP

06/04/2020

Nella pintata di oggi parliamo di un grande cult del cinema Giapponese.
"I sette samurai" è un film del 1954 montato, co-scritto e diretto da Akira Kurosawa. La pellicola narra la storia di un villaggio di contadini che, attraverso suoi rappresentanti, assume dei Ronin per difendersi dai ciclici saccheggi di un gruppo di briganti.

Akira Kurosawa è stato un regista, sceneggiatore, montatore, produttore cinematografico e scrittore giapponese.
Riconosciuto come una delle personalità cinematografiche più significative del XX secolo, è probabilmente il più importante e imitato cineasta giapponese. I suoi film hanno influenzato fortemente generazioni di registi in tutto il mondo.

La pellicola è ambientata in un era molto buia della storia del Giappone. Il periodo Sengoku o periodo degli stati belligeranti, fu un momento di vasta crisi politica che il Giappone dovette fronteggiare dal 1467 e che si protrasse fino al 1603. In quel momento il paese era diviso in tanti piccoli feudi costantemente in guerra tra loro.

Il film, ambientato nel Giappone della fine del XVI secolo, racconta la storia di un pugno di disperati contadini di un villaggio in cerca di una difesa contro la prossima incursione da parte di un gruppo di predoni affamati. L'anziano del villaggio suggerisce ai contadini di cercare aiuto tra i samurai senza signore (Ronin). Vengono quindi inviati dei contadini, per assoldare i guerrieri.
La ricerca si presenta subito come un'impresa ardua. Un giorno però il gruppo assiste all'ultima impresa di Kambei Shimada, un Ronin esperto e astuto. Con la forza della disperazione i contadini lo convincono ad aiutarli.
Proprio da qui inizia la vera narrazione del film, che racconta di gradi imprese di coraggio e del valore dell'onore in modo magistrale e mai scontato, grazie alla maestria di Kurosawa

Considerata l'opera magna del regista, è ancora oggi uno dei film più importanti e citati della storia del cinema.

Indietro